Meno malware più minacce web, il report ESET

Secondo il report ESET, nel primo trimestre 2020 in calo cryptominer e malware Android, ma aumentate le minacce via web, e così anche durante il lockdown.

Protezione dati sensibili

Infatti con il contenimento imposto dall’emergenza, i criminali informatici hanno modificato le proprie strategie trovando nuovi sbocchi per trarre profitto dal cambiamento delle abitudini e dalle interruzioni delle attività. Durante il periodo, i ricercatori ESET, gli ingegneri e gli esperti di sicurezza hanno potenziato gli sforzi per contrastare gli attacchi malware e rendere internet sicuro.

Meno malware più minacce web: nel mese di marzo, ESET ha rilevato un incremento di truffe e di malware che hanno utilizzato la pandemia come esca.

Roman Kováč, Chief Research Officer di ESET
È evidente che i criminali informatici hanno iniziato a capitalizzare le paure e la necessità di informazioni delle persone.

È stato rilevato un sostanzioso incremento di alcune minacce, in particolare provenienti dal web, possibile effetto collaterale del lockdown dovuto al Coronavirus. Il primo trimestre ha evidenziato anche la continua crescita di stalkerware. Mentre, al contrario, alcuni tipi di minacce, come cryptominer e malware Android sono diminuiti rispetto al trimestre precedente.

Meno malware più minacce web

ESET Research prosegue inoltre nel monitoraggio di minacce e vulnerabilità correlate alla pandemia. Il report del primo trimestre mostra una panoramica dei progetti di ricerca più importanti: la rilevazione di nuove operazioni dei famigerati Winnti Group e Turla; la scoperta di Kràk, una nuova vulnerabilità che riguarda la crittografia in oltre un miliardo di dispositivi Wi-Fi; l’identificazione della modalità di azione del nuovo modulo di cryptomining di Stantinko.