Protezione dati, l’aumento dei budget tecnologici è una tendenza

Dopo la pandemia la risposta delle aziende si è fatta sentire per quello che riguarda la sicurezza informatica.

attacchi ransomware protezione dati

Dopo la pandemia secondo Dave Russell, VP, Enterprise Strategy, Veeam, in azienda l’aumento dei budget tecnologici per la protezione dati è una tendenza a lungo termine.

La risposta delle aziende alla pandemia è diventata un’enorme prova di concetto per la tecnologia. Con le organizzazioni costrette a fare investimenti immediati nel digitale che normalmente sarebbero stati scaglionati su diversi anni. Tuttavia, l’aumento dei budget tecnologici è una tendenza a lungo termine piuttosto che una soluzione a breve termine. Questo riflette il fatto che le imprese sono concentrate sulla costruzione di ecosistemi e mercati più resilienti. Questa tendenza continuerà man mano che le imprese diventeranno più agili e i loro modelli di business a prova di futuro contro l’interruzione digitale.

L’aumento dei budget tecnologici è una tendenza

Il Veeam Data Protection Trends Report 2022 mostra che le aziende stanno affrontando un’emergenza per la protezione dati. Il numero di organizzazioni che non riescono a proteggere i dati è in aumento. Anche se questo spiega in parte perché i budget per la protezione dati stanno superando la spesa IT generale, stanno aumentando abbastanza per proteggere completamente la continuità del business?

La spesa IT e la diversità delle piattaforme aumenteranno

In media, secondo l’attuale ricerca di Veeam, i leader IT si aspettano che il budget della loro organizzazione per la protezione dati aumenti di circa il 6%. Mentre le stime variano, la più recente previsione di spesa IT globale di Gartner stima la crescita di circa il 5% dal 2021 al 2022. Citando altre aspettative per la prosperità del mercato digitale. Da queste previsioni possiamo trarre almeno due conclusioni. Innanzitutto, la crescita della protezione dati, come ci si aspetterebbe, continua a cavalcare l’onda della digitalizzazione di massa e dell’accelerazione del cloud.

Se uno cresce, anche l’altro deve farlo. In secondo luogo, le aziende stanno giocando a nascondino in tema di protezione dati. Anche se il 6% può non sembrare un aumento significativo rispetto al 5%, ogni 1% equivale a miliardi di dollari in termini reali. Quindi, per quale motivo i budget per la protezione dati stanno superando gli investimenti IT generali?

I budget per la protezione dati stanno superando gli investimenti IT generali?

Ci sono due risposte a questa domanda. La prima è che, semplicemente, le organizzazioni non possono proteggere tutti i dati. Secondo la nostra ricerca, l’86% delle aziende EMEA ha un “gap di protezione” tra la quantità di dati che possono permettersi di perdere dopo un’interruzione e la frequenza con cui viene effettuato il loro backup. La seconda risposta è più complicata perché implica un esame della causalità. Non c’è una sola ragione per cui le aziende trovano la protezione dei loro dati più difficile che mai.

L’aumento dei budget tecnologici per la protezione dati

Le ragioni di questo fenomeno sono molteplici. Un problema importante è che le piattaforme su cui i business immagazzinano e usano i dati stanno cambiando. Il che significa che anche le soluzioni necessarie per la protezione dati, i protocolli e le competenze richieste cambiano. In termini di diversità della piattaforma, si sta andando a passo di carica verso una nuova normalità per l’IT moderno. Con una divisione 50/50 tra server on-premises e server cloud-hosted.

Tante ragioni per un problema

Andando più a fondo, all’interno del data center c’è un’aspettativa consistente per le piattaforme sia fisiche che virtuali. Mentre all’interno del cloud c’è un sano mix di infrastrutture ospitate sia iper-scalate che da managed service provider (MSP). I due risultati chiave di queste tendenze sono che il data center non è né morto né pronto a farlo. Ci sono ancora tante buone ragioni per eseguire un carico di lavoro on-premises come nel cloud. Inoltre, le strategie di protezione dati devono adattarsi alle opzioni fisiche, virtuali e multiple ospitate nel cloud, così come ai sempre più popolari ambienti Kubernetes.

La protezione dati incontra SaaS

Uno dei driver dell’uso accelerato dei servizi cloud è la tendenza delle organizzazioni a utilizzare app come servizi. L’esplosione in corso del Software as a Service (SaaS) cambia la dinamica di come le organizzazioni proteggono i dati. Una di queste sfumature è la paura che gli amministratori IT assumano che le app SaaS siano dotate di soluzioni native di backup. Oltre al ripristino che soddisfano gli standard di una strategia di protezione dati moderna. Un buon esempio di dove una tale assunzione può rivelarsi costosa è quando si usa Microsoft O365.

La capacità di protezione dati

Mentre le capacità di protezione dei dati integrati possono dare alle aziende una certa rassicurazione sul fatto che la maggior parte dei dati O365 sono sottoposti a backup e protetti. L’unica vera soluzione sarebbe il backup effettuato da terze parti. Proteggere i dati SaaS al di là delle funzioni di backup e recupero integrate è imperativo, dato che il 48% delle organizzazioni EMEA ha segnalato la cancellazione accidentale, la sovrascrittura o la corruzione dei dati come cause principali delle interruzioni IT.

Passaggio al SaaS

Il secondo impatto che il passaggio al SaaS sta avendo sulle strategie di protezione dati è il loro aumento e la protezione che ne consegue. Il numero di dati è in continuo aumento e l’accelerazione del cloud non fa che facilitare ulteriormente questa tendenza. Questo spiega in parte perché il numero di aziende che hanno registrato un gap di protezione dati negli ultimi 12 mesi è aumentato del 14%. Per evitare che il divario aumenti ulteriormente, le aziende hanno bisogno di soluzioni di protezione dati scalabili che forniscano la capacità di tenere il passo con i crescenti volumi. La risoluzione a ciò è il backup basato sul cloud.

Appoggiarsi ai servici cloud

Due terzi delle aziende EMEA utilizzano attualmente i servizi cloud come parte della loro strategia di protezione dati e questo aumenterà nei prossimi 12 mesi. Inoltre, la capacità di proteggere i carichi di lavoro ospitati nel cloud è considerato il fattore di acquisto più importante per la protezione dei dati aziendali nel 2022 dai leader IT. Per riassumere, le organizzazioni si stanno affidando sempre di più al cloud. Pianificando di implementare misure di protezione dati come Backup as a Service (BaaS) e Disaster Recovery as a Service (DRaaS).

Protezione dati, l’aumento dei budget tecnologici è una tendenza

Tornando alla domanda principale: i budget per la protezione dati stanno aumentando abbastanza? La risposta più diplomatica è che, ad oggi, c’è ancora molto terreno da recuperare. L’aumento esponenziale dei volumi di dati significa che ce ne sono quantità maggiori da proteggere. Mentre la crescente diversità delle piattaforme significa che le strategie di protezione dati stanno guadagnando in complessità. È probabile che il loro budget continui a superare la spesa IT generale. Poiché le aziende cercano gradualmente di colmare il divario tra quanti dati possono permettersi di perdere e quanti possono proteggerne adeguatamente.

Vale la pensa spendere di più?

Naturalmente, spendere di più non è l’unica soluzione al problema. Le soluzioni più moderne sfruttano il backup e il ripristino basati sul cloud per migliorare l’economia della protezione dati su scala. Il che significa che le aziende possono eseguire il backup spendendo di meno. Quindi, alle organizzazioni si consiglia di lavorare con un partner esperto per elaborare una strategia di protezione dati efficace che fornisca una soluzione di continuità aziendale entro un budget appropriato.