Consorzio Italia Cloud chiede più trasparenza per la gara Cloud PA

Per il CIC il Cloud PA è l’unica soluzione per una trasformazione digitale trasparente capace di guardare al futuro e agli interessi strategici italiani.

Cloud PA

Il Consorzio Italia Cloud è pronto per partecipare alla gara per il Cloud PA e chiede al Governo rassicurazioni sulla trasparenza. Il CIC infatti guarda con attenzione al bando e alla successiva gara, a cui è interessato a partecipare attendendo di leggere nel dettaglio il testo del bando di gara. Questo per avere rassicurazioni che tutto sia fatto nel rispetto delle regole e con la dovuta trasparenza, nonché nell’interesse di medio-lungo termine del Paese.

Consorzio Italia Cloud e la gara Cloud PA

Il CIC intende rappresentare le istanze delle Pmi innovative italiane e valorizzare nel contempo il patrimonio di competenze e responsabilità delle Regioni e delle loro società in-house. Le dichiarazioni arrivano dopo un ulteriore rafforzamento dell’assetto del CIC grazie al recente ingresso di Insiel, società in-house della Regione Friuli Venezia Giulia.

Michele Zunino, presidente Consorzio Italia Cloud
L’unica via auspicabile e percorribile è quella che prenda in considerazione asset e competenze già presenti nel nostro Paese e capaci di garantire che gli investimenti previsti vengano impiegati nel modo più trasparente ed opportuno.

Questo, per valorizzare le competenze italiane e tutelare la sicurezza dei dati, un elemento questo che potrebbe essere irrimediabilmente compromesso laddove vi fosse un coinvolgimento diretto o indiretto di soggetti extraeuropei; aldilà del tema della protezione giuridica, rimane centrale la scelta dell’impegno dei fondi del PNRR per ridurre oppure per accrescere la dipendenza dell’Italia da fornitori extraeuropei.

Guardare al futuro

Il modello del Cloud Nazionale è l’unica soluzione responsabile e percorribile che possa assicurare una trasformazione digitale trasparente capace di guardare al futuro, nel pieno rispetto degli interessi strategici di medio-lungo termine del Paese. Ecco perché il nostro Consorzio è una delle poche realtà in grado di mettere al servizio del Paese, ribadisco “al servizio del Paese”, le migliori competenze strategiche e tecnologiche con una visione a medio-lungo termine”.