L’integrazione dell’IT fisico e virtuale, Equinix accorpa i due mondi

Le organizzazioni IT globali ora possono sfruttare soluzioni innovative per accedere a servizi digitali.

L’integrazione dell’IT fisico e virtuale

Equinix si accorda con Oracle per offrire soluzioni di interconnessione fisiche e virtuali; l’integrazione dell’IT è ora trasversale e pervasiva.

La trasformazione digitale assume molte forme, ma nessuna è stata più adottata a livello globale del multi-cloud. Secondo il recente State of the Cloud Report di Flexera 2020, oltre il 90% delle imprese utilizza attualmente cloud multipli.

Tuttavia, anche le imprese che adottano strategie “cloud first” non stanno trasferendo tutti i loro dati e le loro applicazioni nel cloud. Il report Flexera rileva che le aziende devono ancora affrontare alcune sfide per spostare le applicazioni legacy on-premise nel cloud.
Questo dipende delle applicazioni, la fattibilità tecnica e il costo totale di proprietà (TCO) del cliente per le applicazioni on-premise rispetto ai costi del cloud. Ciò è particolarmente vero per le organizzazioni multinazionali che hanno bisogno di attraversare aree geografiche per distribuire le loro soluzioni ibride multicloud.

La buona notizia è che le organizzazioni IT globali di oggi possono sfruttare soluzioni innovative di interconnessione software-defined per accedere a servizi digitali mission-critical, come Oracle Autonomous Database e Exadata Cloud Service su Oracle Cloud senza dover installare hardware aggiuntivo.
Possono sfruttare altri servizi di database e applicazioni cloud, mantenendo al contempo dati e applicazioni private on-premise per motivi di sicurezza o di conformità. Sfruttando la potenza del network virtuale, le aziende possono velocizzare la connettività in-the-cloud, rendendo facile l’integrazione di infrastrutture fisiche on-premise con l’agilità multicloud e la scalabilità on-demand.

L’integrazione dell’IT fisico e virtuale, il meglio dei due mondi

Equinix offre una serie di soluzioni di interconnessione fisica e virtuale che forniscono la connettività vicina e privata necessaria per costruire infrastrutture IT fisiche e virtuali integrate. In qualità di membro di livello Platinum di Oracle PartnerNetwork.
Equinix fornisce l’accesso a Oracle Cloud attraverso Oracle Cloud Infrastructure (OCI) FastConnect con Equinix Cloud Exchange Fabric in più di 45 aree metropolitane nei cinque continenti. Equinix ha inoltre recentemente annunciato l’espansione di ECX Fabric e Network Edge in tutta l’area EMEA.

ECX Fabric è una soluzione di interconnessione software-defined che collega cloud multipli su connessioni virtualizzate ad alta velocità e a bassa latenza.
Insieme, Equinix e Oracle offrono una connettività diretta e sicura a Oracle Cloud – bypassando l’internet pubblico – in più aree geografiche di qualsiasi altro provider. Utilizzando OCI FastConnect ed ECX Fabric, i nostri clienti globali sono in grado di scambiare in modo sicuro i carichi di lavoro delle applicazioni e dei database Oracle tra l’infrastruttura on-premise e i fornitori di servizi cloud più velocemente rispetto all’Internet pubblico o alle reti private virtuali (VPN).

L’integrazione dell’IT fisico e virtuale, l’aumento della rete virtuale

Utilizzando i servizi Network Edge di Equinix, le aziende possono accedere direttamente a una serie di provider di virtualizzazione delle funzioni di rete (NFV) e ai loro servizi in tutto il mondo sulla Piattaforma Equinix. Network Edge con ECX Fabric consente inoltre alle aziende di collegarsi a, o tra più, fornitori di cloud at the edge in pochi minuti senza requisiti hardware aggiuntivi.

I servizi Network Edge forniscono un provisioning veloce per le funzionalità NFV da fornitori leader del settore come Cisco, Fortinet, Juniper Networks, Palo Alto Networks/CloudGenix, VMware SD-WAN by VeloCloud e Versa Networks.

Una volta implementata un’istanza edge di un dispositivo NFV, è possibile accedere a Oracle Cloud su ECX Fabric tramite OCI FastConnect, nonché ad altre piattaforme cloud tramite l’interconnessione software-defined ECX Fabric.

Questa soluzione consente di sfruttare le infrastrutture ibride multicloud per distribuire applicazioni multilivello tra diversi cloud provider con la minore latenza possibile per ottenere le massime prestazioni.
Per esempio, consideriamo il caso d’uso della migrazione del database di un fornitore di e-commerce come illustrato nel diagramma sottostante. L’azienda ha sfruttato i servizi Network Edge per implementare un router virtuale Cisco a Londra per il routing cloud-to-cloud tra la sua implementazione AWS a Dublino, senza acquistare alcun nuovo hardware di rete.
L’azienda ha poi facilmente migrato i suoi carichi di lavoro applicativi da AWS di Dublino a AWS di Londra, collocandoli adiacenti al Oracle Autonomous Database per beneficiare della minore latenza e delle prestazioni possibili. Le applicazioni di produzione dell’azienda in esecuzione su AWS ora accedono a Oracle Autonomous Database su Oracle Cloud attraverso una connessione di rete virtuale veloce e a bassa latenza.

Migrazione del database di produzione utilizzando il Routing Cloud-to-Cloud di Network Edge

L’integrazione dell’IT fisico e virtuale. Implementazione di disaster recovery ibrido multic-loud in volo

In un altro scenario di clienti, un servizio di prenotazione di viaggi online ha voluto implementare rapidamente un sito di disaster recovery (DR) ad Amsterdam per replicare le sue operazioni di produzione a Francoforte. La società gestiva un’infrastruttura multicloud a Francoforte per le sue applicazioni di produzione.
Inoltre sfruttava Equinix Performance Hub con collegamenti incrociati a Google Cloud Platform di Francoforte per le sue applicazioni e a Oracle Cloud Infrastructure di Francoforte per il suo database.

L’azienda voleva eseguire un proof-of-concept per il backup del suo database nel sito OCI di Amsterdam, ma non voleva implementare un altro router fisico per connettersi tra le due regioni dei Data Center OCI.
Utilizzando i servizi Network Edge, l’azienda può facilmente implementare un router virtuale Cisco ad Amsterdam in pochi minuti e connettersi a Oracle Cloud tramite OCI FastConnect ed ECX Fabric per lo scambio di dati con la regione del Data Center OCI di Francoforte.