Pure Evergreen Storage, prestazioni e progresso continuo

Pure Evergreen Storage, prestazioni e progresso continuo

Pure Storage porta al debutto la terza generazione del sistema all-NVMe FlashArray//X; un aggiornamento che garantisce ai clienti superiori prestazioni.
Grazie all’esclusivo e innovativo modello Evergreen Storage, i clienti possono disporre dell’innovazione continua di Pure Storage assicurandosi l’accesso a questo e ai prossimi aggiornamenti della suite di prodotti e soluzioni dell’azienda.

Prakash Darji, General Manager for FlashArray di Pure Storage
FlashArray//X è già riconosciuto come l’acquisto più smart del settore, che offre ai clienti enterprise la strada verso operazioni IT migliori. Invece di doversi preoccupare dell’obsolescenza dello storage, i clienti di Pure dispongono sempre delle soluzioni più innovative e ricche di funzionalità.
Evergreen è ancora unico nel suo genere nel mondo del data storage poiché consente ai clienti di beneficiare delle funzionalità e innovazioni future di Pure Storage senza ritardi, interruzioni o migrazioni costose e problematiche. I clienti possono avere la certezza che il loro investimento in FlashArray//X di prossima generazione, ottimizzato per gli aggiornamenti futuri provenienti da Purity//FA, continuerà a fornire risultati migliori rispetto alla concorrenza.

L’ultima generazione dei sistemi FlashArray//X permette ai clienti di accelerare e consolidare i workload enterprise e di database, estenderli su cloud, e modernizzare le strategie di protezione dei dati.

Tutte le funzionalità e prestazioni superiori di FlashArray//X sono disponibili anche attraverso il modello di consumo utility-based Pure-as-a-Service. Pure as-a-Service offre servizi di dati cloud ibridi unificati, consentendo ai clienti di implementare on premise, in ambienti condivisi o in modalità hosted, o ancora in cloud pubblici, il tutto con un abbonamento unificato, funzionalità comuni e un’esperienza cloud completa. 

I vantaggi del nuovo FlashArray//X:

  1. Il nuovo FlashArray//X può incrementare le prestazioni fino al 25% rispetto alla precedente generazione di FlashArray//X grazie ai nuovi controller dotati degli ultimi Xeon Scalable Processors (precedentemente denominati Cascade Lake) recentemente annunciati da Intel.
    È possibile avere un’accelerazione delle performance delle applicazioni enterprise come SAP Hana, Oracle e Microsoft SQL Server. Le prestazioni di SAP 
  2. I clienti possono accelerare e consolidare applicazioni DAS come PostgreSQL e MySQL aumentando l’efficienza e migliorando il time-to-market.
  3. I test eseguiti su MySQL hanno evidenziato prestazioni fino al 50% più veloci con una latenza inferiore del 35% rispetto ai sistemi DAS
  4. I test condotti su PostgreSQL hanno registrato prestazioni fino al 20% più veloci con una latenza inferiore del 35% rispetto ai sistemi DAS
  5. Il supporto a NVMe-oF e Storage Class Memory permette a FlashArray di abbattere la latenza a soli 150µs fornendo le prestazioni richieste dai database enterprise più esigenti e la massima densità necessaria per poter ridurre gli spazi fisici dedicati ai data center.
  6. Come parte degli aggiornamenti Evergreen inclusi, i clienti FlashArray possono innovare più rapidamente dei loro concorrenti con un miglioramento delle prestazioni fino al 50% rispetto a FlashArray//M R2.
  7. Ripensare il refresh: per i clienti che attualmente utilizzano soluzioni storage competitive, il nuovo FlashArray//X offre l’opportunità di effettuare il passaggio, consumare spazio di archiviazione come utility, incluso tutto il software array e con protezione degli investimenti tra le flotte dei clienti, senza necessità di altra migrazione.
  8. L’ultima generazione di FlashArray//X dimostra ulteriormente il valore senza eguali offerto da Pure Evergreen Storage al cliente. Ad oggi, Pure ha fornito 11 generazioni di hardware e 21 generazioni di upgrade software, il tutto senza interruzioni, con un aumento della densità complessiva di 146x.
  9. Disponibile anche associato a un modello OpEx attraverso Pure-as-a-Service in versione on-premises, oppure come ponte verso i provider di cloud pubblici come Amazon Web Services per favorire ulteriormente la mobilità dei dati tra cloud ibridi e cloud privati.