Evoluzione del SOC e nuove strategie di sicurezza, Vectra AI

I responsabili della sicurezza ritengono che gli approcci tradizionali non siano adatti alle minacce moderne. Serve un’evoluzione del SOC.

infrastrutture critiche Soc ransomware

Contro le minacce attuali il SOC tradizionale appare obsoleto. Massimiliano Galvagna, Country Manager Italia di Vectra AI, spiega le nuove strategie di sicurezza basate su un SOC evoluto guidato dall’AI.

Di fronte alla continua evoluzione delle minacce informatiche, anche le strategie di sicurezza delle organizzazioni devono trasformarsi. Stiamo assistendo a un aumento significativo degli attacchi informatici, cresciuti in numero e sofisticazione. Capaci di bypassare i sistemi di autenticazione multi-fattore e di penetrare rapidamente all’interno dei sistemi aziendali. Per far fronte alle moderne minacce, dunque, non basta più concentrarsi sulla prevenzione , ma è necessario rilevare e bloccare i movimenti degli attaccanti dentro l’ambiente proprio dell’organizzazione. Il Security Operation Center (SOC) tradizionale, costruito attorno alle funzionalità di legacy detection SIEM, oggi appare obsoleto e incapace nel contrastare efficacemente gli attuali attacchi informatici.

Evoluzione del SOC e sicurezza

Troppo incentrato sulla prevenzione e sulla reazione agli eventi già verificatisi, impiega strumenti costosi, ma che producono risultati limitati, fallendo nel rilevare le minacce in corso. Non è, infatti, abbastanza selettivo e perciò incapace di individuare tra tutti gli alert quelli davvero pericolosi. Con l’espandersi delle superfici di attacco, raccogliere volumi elevati di anomalie poco rilevanti, per poi passare al setaccio un insieme enorme di dati alla ricerca di minacce reali, si rivela una strategia poco efficace. Senza contare che, in una recente indagine di Vectra AI, l’89% dei responsabili della sicurezza concorda nel sostenere che gli approcci tradizionali non siano adatti alle minacce moderne. In Italia il 40% ammette di non riuscire a rilevarle, con il 27% che lamenta una scarsa visibilità tra i diversi ambienti (cloud, endpoint, data center, IoT).

Il SOC evolve grazie all’AI

Le minacce odierne richiedono, dunque, una trasformazione radicale del SOC, sia in termini di strategia di sicurezza adottata sia a livello di tecnologie impiegate. La strada verso una vera resilienza organizzativa passa attraverso un SOC guidato dall’intelligenza artificiale. Modernizzare il SOC significa adottare un approccio che guardi al futuro e che dia priorità alla visibilità e ai flussi di lavoro. Il moderno centro di sicurezza dovrebbe utilizzare ancora log e analisi SIEM, ma arricchite con dati provenienti dagli endpoint e dalla rete. Il SOC 2.0 mette insieme endpoint detection and response (EDR) e network detection and response (NDR). Il tutto potenziato dall’intelligenza artificiale, creando una rete tra on-prem, cloud e app, che consenta di rilevare attività sospette e movimenti laterali degli attaccanti.

Evoluzione SOC e sicurezza

Il moderno SOC deve avere una visibilità totale su tutta l’organizzazione, dal data center alle applicazioni SaaS, dagli endpoint di rete al cloud pubblico. Superare il modello tradizionale, per abbracciare una nuova dimensione del SOC porta vantaggi evidenti in termini di resilienza, efficienza e garanzia di sicurezza.

  • Resilienza: l’organizzazione resiste e respinge meglio i moderni attacchi sempre più sofisticati.
  • Efficienza: i responsabili della sicurezza si liberano di strumenti e tecnologie legacy che non lavorano bene insieme o non funzionano più nel panorama delle moderne minacce. Questo rende le sfide di compliance più facili da affrontare.
  • Garanzia che gli aggressori non abbiano un posto dove nascondersi, che le minacce critiche vengano messe in primo piano grazie a un’attenta analisi del contesto e che il Machine learning tenga il SOC al passo con l’evoluzione del panorama delle minacce.

SOC 2.0: più sicurezza dall’AI

Vectra AI offre il miglior supporto in questa necessaria fase di transizione dal SOC tradizionale al SOC potenziato dall’AI. Consentendo la copertura e il contenimento totale della superficie di attacco. Vectra AI è infatti parte della CrowdXDR Alliance, alleanza di innovatori della cybersecurity che si concentra sul futuro e non sul passato obsoleto dei SIEM. L’azienda partecipa a questo ecosistema XDR che riunisce potenti fonti di telemetria dagli endpoint per migliorare la sicurezza.

Le alleanze come questa, con partner che collaborano per ottenere integrazioni più efficaci ed efficienti, rappresentano una svolta nel mondo della cybersecurity. Sono essenziali per realizzare la visione di Vectra AI di un mondo più sicuro ed equo. La trasformazione del SOC è fondamentale per la cybersecurity attuale e futura. Vectra AI offre le migliori analisi della categoria, costruite per supportare la transizione, rilevare gli avversari su qualsiasi superficie di attacco e neutralizzare le minacce.